domenica 25 settembre 2016

Il prorompente esordio di Stefano Ottomano nella canzone d'autore

Lui minimizza e dice che le canzoni gli piace solo ascoltarle, e che preferisce comporre musica per orchestra. Ma l’esordio di Stefano Ottomano nella canzone d’autore è davvero prorompente. 
La musica del poliedrico musicista barese è di difficile classificazione perché Ottomano riesce ad esplorare ed attraversare con successo (e grande godimento per chi l’ascolta) i territori musicali ed artistici più disparati.  Adesso nella sua copiosa e sempre interessante produzione c’è anche una canzone. E che canzone.
La luce che viene a trovarmi è una poesia messa in musica. Ottomano l’ha composta per un amico che ha perduto la vista. Ma non è tragica, né disperata. Anzi regala sprazzi di tenerezza, di consolazione e di speranza. Perché dove parrebbe esserci soltanto buio, alla fine scopri pura luce, che “porta con se volti e sorrisi, canti e profumi, perfino i tuoi abbracci.”
La complessa alchimia tra il testo, delicato ma intenso, e l’avvolgente melodia viene raggiunta alla perfezione grazie alla meravigliosa interpretazione di Donatella Spinelli, cantante pugliese di notevole spessore artistico, e di grandi prospettive. 
Coglie ancora una volta nel segno il compositore barese che ha reso grande l’epopea dei terrazzani, dedicando a questa etnia foggiana una suite musicale, che sarà probabilmente rappresentata al Teatro Giordano nei prossimi mesi.
Per il momento, gustatevi La luce che viene a trovarmi. Ascoltatela, amatela, condividetela.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...