mercoledì 20 giugno 2018

Il PUG riparte da Karrer. Anzi no, ricomincia da zero.

L'urbanistica foggiana ricomincia da Karrer, ma sarebbe il caso di dire che ricomincia da zero, perché il solo elemento di continuità tra il documento programmatico preliminare del Pug della città approvato dal consiglio comunale nell'ormai lontano 2006 e l'incarico per la redazione del Pug vero e proprio sta nel nome del tecnico, che è appunto il prof. Francesco Karrer, che si è aggiudicato la gara indetta dal Comune.
Nei dodici anni che intercorrono tra l'approvazione del documento programmatico preliminare ad oggi, in città è successo di tutto, dal punto di vista urbanistico ed edilizio, al punto tale che parlare di "attualizzazione" del Dpp è nella migliore delle ipotesi un eufemismo.
Questo è quanto, con toni e accenti diversi, è venuto fuori dall'incontro promosso dal pool di associazioni e gruppi che, a Parcocittà, sta cercando di riflettere sulla città e sul suo futuro, nella prospettiva dello sviluppo compatibile disegnato dall'Agenda 2039 dell'Onu: "un tentativo - ha spiegato aprendo i lavori l'ing. Giovanni Quarato, esponente del Cup (Comitato unitario permanente degli Ordini e dei Collegi professionali) - di dare un contributo di riflessione e di proposta, per migliorare la città e il suo territorio". Del cartello promotore fanno parte, oltre al Cup, Capitanata Futura, la Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, le Acli, Legambiente, l’Arci, il Fai e Lettere Meridiane.
A fare il punto sullo stato dell'arte dell'urbanistica foggiana, all'indomani del conferimento dell'incarico allo stesso autore del Dpp di dodici anni fa, ci ha pensato l'assessore comunale all'urbanistica, Francesco D'Emilio, con un sereno e puntuale intervento.
"La ripresa dell'iter del Pug si situa all'interno di un percorso intenso, in parte governato dall'amministrazione in carica, in parte ereditato da quelle precedenti. Il Pug dovrà offrire il necessario ed armonico raccordo ai diversi piani e ai diversi interventi in itinere o in fase di concretizzazione".

Stroppa saluta e se ne va: "Foggia e i tifosi, siete meravigliosi"

Giovanni Stroppa ha rescisso ufficialmente il contratto che lo legava al Foggia fino al 2020. A comunicarlo è stato l’ormai ex allenatore rossonero in persona, in una conferenza stampa che si è svolta a Villa Reale.
Un addio commosso e commovente quello di Stroppa, che anche al momento del commiato ha confermato le doti di umanità, di sportività e di correttezza che lo hanno reso un campione con la “c” maiuscola, prima sul rettangolo verde e quindi in panchina.
Un uomo grande che, inutile dirlo, mancherà al Foggia e ai suoi tifosi.
Il protagonista del ritorno in serie B dei Satanelli ha idealmente passato il testimone a Gianluca Grassadonia, indicandolo come il tecnico che potrebbe meglio proseguire il lavoro iniziato dallo stesso Stroppa.
Ecco le parole pronunciate nella conferenza stampa, raccolte da Giovanni Cataleta per gli amici del gruppo whatsapp “Che si dice du Foggia” e per i lettori di Lettere Meridiane.
"Ho sempre lavorato per la società, me, per i tifosi, per la città. Una città che vive 24 ore al giorno per il calcio. 
Nella scorsa stagione abbiamo espresso un buon calcio, già all'andata quando non sempre abbiamo avuto il riscontro dei risultati. Siamo stati protagonisti di uno strepitoso girone di ritorno che ha fatto del Foggia una delle formazioni più interessanti del torneo cadetto. Abbiamo espresso una qualità di gioco di grande livello. Abbiamo valorizzato tanti giocatori. Credo che tutti abbiano di che essere soddisfatti.
Consentitemi di dire che abbandono nel momento giusto. Non volevo passare da traditore, lasciando quando la società è venuta a trovarsi in difficoltà. E non lascio per le vicende giudiziarie, ma semplicemente perché mi sono reso conto che in questo ambiente, in questo contesto non potrei dare e fare di più.
Sono arrivato al culmine delle mie capacità.  Ho dato al Foggia tutto quello che potevo dare. Poi le motivazioni qui sono venute meno. Ribadisco: lascio nel momento ideale perché Giovanni Stroppa più di questo non può dare. A Crotone avrò altre motivazioni. 

Seconda stazione di Foggia: c'è il finanziamento

Le due ipotesi di localizzazione
Si accelerano i tempi per la costruzione della seconda stazione di Foggia, che sorgerà sulla bretella di raccordo della linea ad alta capacità Napoli-Foggia-Bari. Rfi ha predisposto il programma di finanziamento dell'opera, la cui spesa ammonta a circa 20 milioni di euro.
Ne ha dato notizia l'assessore all'urbanistica del Comune di Foggia, Francesco D'Emilio, a margine del convegno sul nuovo Pug svoltosi ieri a Parcocittà.
L'assessore D'Emilio ha commentato positivamente la notizia, sottolineando che a definire la localizzazione della stazione sarà il consiglio comunale, chiamato ad approvare la relativa variante urbanistica.
Tra l'ente ferroviario e l'amministrazione comunale non c'è identità di vedute sul tema. Rfi preferirebbe il sito di San Lorenzo (nei pressi della chiesetta medievale, in zona Salice), mentre il Comune propenderebbe per una localizzazione più vicina all'abitato, nei pressi del Campo degli Ulivi.
Il Consiglio Comunale, così come il Consiglio Provinciale, si è già favorevolmente pronunciato per la seconda stazione, approvando l'articolata mozione messa a punto dal consigliere comunale e provinciale Pasquale Cataneo, che inserisce l'opera in un contesto più ampio, finalizzato anche alla valorizzazione della stazione attuale e del limitrofo hub intermodale, nonché all'integrazione con il progetto del Treno Tram.
La questione del sito e della variante urbanistica ad esso connessa non è secondaria, e andrebbe al più presto rimessa all'esame del Consiglo Comunale, così come da tempo richiede il coordinatore del Comitato "Un baffo per Foggia", Luigi Augelli.
Durante il convegno sull'urbanistica (su cui riferiremo nei prossimi post) l'assessore D'Emilio ha dato notizia anche di un'altra importante attesa raggiunta con Rfi, durante un vertice svoltosi in Prefettura negli scorsi giorni. L'ente ferroviario si è impegnato a realizzare una seria di opere di collegamento e di risanamento a Borgo Cervaro, pesantemente interessato (e compromesso) dai lavori di realizzazione della linea ad alta capacità ferroviaria Bari-Foggia-Napoli.

martedì 19 giugno 2018

Il Pug, una sfida per la città, e non solo (di Matteo Pio Pazienza)

Dopo aver ospitato Gianfranco Viesti che ha presentato il volume da lui curato dal titolo “Viaggio In Italia”, va in scena oggi a Parcocittà (ore 18.30) una seconda iniziativa culturale: un incontro dibattito in cui si discuteranno alcuni temi che riguardano nel complesso la città di Foggia.
Il tema dell’evento è: “Città e Territorio; quale sviluppo per la nostra provincia? Gli obiettivi indicati nell’agenda 2030 per la sostenibilità”.
L’incontro è stato organizzato dall’associazione culturale “Capitanata Futura” con il patrocinio della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, dell’Acli, di Legambiente , dell’Arci, del Cup, del Fai e di Lettere Meridiane.
Interverranno al dibattito l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Foggia dott. Francesco D’Emilio, il dott. Roberto Lavanna per la Fondazione dei Monti Uniti, il vice presidente dell’Ance arch. Paolo Lops, l’arch. Matteo Pio Pazienza per Capitanata Futura, ed il dott. Geppe Inserra per Lettere Meridiane.
A moderare il dibattito ci sarà l’Ing. Giovanni Quarato del Cup.
L’iniziativa è da collegare con l’avvio delle procedure messe in atto dall’amministrazione comunale di Foggia per la redazione del “P.U.G.”, acronimo che sta per “Piano Urbanistico Generale”.
Acclarato che nelle procedure e negli obiettivi il “P.U.G.” è uno strumento urbanistico la cui concezione è completamente diversa dal “P.R.G.”  (acronimo che sta per “Piano Regolatore Generale”), l’intento del dibattito consiste soprattutto nell’evidenziare le differenze culturali e metodologiche di fondo che insistono tra un Piano urbanistico e l’altro e nell'incoraggiare una riflessione collettiva sull'argomento.
Infatti se il P.R.G. era uno strumento la cui finalità era essenzialmente riservata agli operatori del settore edile con tutto il sistema che si esauriva prevalentemente nel definire, quantificare e qualificare le aree edificabili delle città soprattutto nei periodi di forte espansione territoriale, con i P.U.G. invece viene effettuato di fatto un salto di qualità sostanziale; come dire, quasi una rivoluzione copernicana.

lunedì 18 giugno 2018

Il Gargano sul Corriere della Sera (per la sporcizia)

La stagione turistica comincia sul Gargano in modo tutt’altro che entusiasmante. La Montagna del Sole finisce nella pagina che il Corriere della Sera dedica alle lettere e alle fotografie dei suoi lettori, con un’immagine tutt’altro che edificante e attrattiva.
È successo nella edizione di ieri, domenica 17 giugno.
Scattata da Giuliano Ligazzolo di Vicenza, la fotografia mostra un pino che si affaccia sul mare di Pugnochiuso letteralmente circondato da rifiuti, residuati da una colazione al sacco.
L’albero doveva avere ospitato all’ombra dei suoi rami una comitiva, evidentemente per un pic nic. Pantagruelico, a giudicare dai rifiuti abbandonati, da questi poco educati e poco civili turisti, che hanno addirittura appeso le buste di plastica contenenti i rifiuti ai rami dell’albero. Un pessimo spettacolo, ancora più grave e mortificante, considerando che siamo nel cuore del Parco Nazionale, che meriterebbe ben altra tutela e ben altra attenzione.
“Gargano, vicino a Pugnochiuso. La stagione delle vacanze si è appena aperta, ma gli incivili sono già arrivati!” è il commento amaro dell’autore della fotografia. Come dargli torto?
Spettacoli del genere danneggiano seriamente l’immagine del Gargano, già sotto tiro per le imprese della criminalità organizzata, che l’hanno fatto balzare agli onori della cronaca nera. E pensare che la splendida canzone portata  a Sanremo da Max Gazzè, che ha reso celebre in tutto il mondo La leggenda di Cristalda e Pizzomunno  era stata per Vieste e il Gargano una straordinaria cartolina.
Speriamo in una maggiora vigilanza ed in un maggior senso civico, che facciano in modo che scempi del genere non abbiano più a ripetersi.

sabato 16 giugno 2018

Foggia si ripensa: riflessione sui temi urbanistici a Parcocittà

Si torna a parlare di futuro e di urbanistica a Foggia, nel secondo degli appuntamenti promossi dal cartello di associazioni che, a Parcocittà, sta riflettendo sui percorsi e sulle strategie che attendono Foggia e la Capitanata nella prospettiva di sviluppo sostenibile indicata dall’Onu nell’agenda 2030.
L’idea di fondo è che lo sviluppo è tanto più efficace se condiviso, ed è dunque certamente una buona notizia che associazioni e gruppi di diversa estrazione stiano lavorando fianco e fianco per avviare una riflessione comune.
Dopo il riuscito ed affollato incontro con l’economista Gianfranco Viesti e lo storico Saverio Russo, durante il quale è stato presentato il Viaggio in Italia, numero monografico della rivista “il Mulino”, martedì 19 giugno 2018, alle ore 18.30, presso il Centro polivalente Parcocittà (via Rovelli) a Foggia, il confronto riguarderà un tema di nevralgico interesse per i prossimi anni: l’urbanistica, alla luce dei nuovi strumenti di pianificazione di cui la città si sta dotato (il Pug) e delle relazioni con il resto del territorio, provinciale e meridionale.
A discuterne saranno Francesco D’Emilio, vicesindaco e assessore all’Urbanistica del Comune di Foggia, il sociologo Roberto Lavanna (Fondazione dei Monti Uniti di Foggia), Paolo Lops (Associazione Nazionale Costruttori Edili), l’architetto Matteo Pio Pazienza (Capitanata Futura) e Geppe Inserra (Lettere Meridiane).
A coordinare e moderare la serata sarà l’architetto Giovanni Quarato, esponente del Cup (Comitato unitario permanente degli Ordini e dei Collegi professionali).
L’evento è promosso da Capitanata Futura, Acli, Arci, Legambiente Circolo “Gaia”, Fai, Lettere Meridiane e CUP (Comitato unitario permanente degli Ordini e dei Collegi professionali).
È certamente degno di nota che associazioni culturali, mondo del lavoro e delle professioni, imprese e istituzioni s’incontrino per riflettere e discutere insieme di futuro.
È, forse, un ritorno a quella partecipazione che ha scritto pagine importanti della vita cittadina nei decenni compresi tra gli anni Sessanta e Novanta.
Per questo, non mancate, e passate parola.

La politica, quante ne combina

Madetù scatenato nella striscia settimanale del sabato. In effetti, le verve con cui gli esponenti del nuovo governo e della nuova maggioranza politica che lo sostiene occupano quotidianamente i titoli di apertura dei giornali e dei telegiornali offre tanta materia prima al nostro disegnatore satirico in versione solo testo. La copertina di oggi è però conquistata da una fulminante battuta che Maurizio riserva all'ex partito di governo, il Pd, che continua invece a far notizia per le proprie interminabili divisioni e discussioni interne.
Buona lettura, buon divertimento e buon week end.
* * *
BOOMERANG
Il Presidente del Consiglio, Conte, è volato in Canada per partecipare al G7 utilizzando l'aereo di Stato. La prossima volta, però, fanno sapere i Grillini, Conte userà voli di linea.
La Boomerang Air Line...
TERREMOTATI E TERREMOTI
Il Presidente del Consiglio, Conte, visita i luoghi del terremoto del 2016. "Non sentitevi abbandonati. Con noi al Governo mai più terremoti!".
SGARBI
Vittorio Sgarbi eletto Sindaco di Sutri.
"Non so dove cazzo si trovi sto paese, ma sono molto soddisfatto".
STRANIERI EVANGELICI
Il dramma della nave Aquarius. Il Card. Ravasi cita il Vangelo di Matteo: "Ero straniero e mi avete accolto".
Anche il Governo cita il Vangelo di Matteo: "Siete stranieri e mi avete rotto!".
ELEZIONI
- Le elezioni amministrative del 10 giugno non sono andate poi così male per il centrosinistra.
- Già. C'è Del Bono nel PD...
STROPPA
- Stroppa non è più l'allenatore del Foggia...
- E adesso chi arriverà?
- Oddo.
- Perché? Non ne bastava uno?
CONTANTI
- Salvini ha detto che deve cadere il limite sui contanti...
- Contanti saluti all'evasione fiscale!
LE LITI DI SALVINI
Salvini non vedeva l'ora che si formasse il nuovo Governo perché doveva mettersi subito al lavoro.
In una settimana ha litigato con Malta, Francia, Spagna, Libia e ha minacciato l'UE.
Tra un mese lo vedremo a Cassìbile...
FRANCIA
Caso nave Aquarius.
- Il Ministro Tria e il premier Conte non vanno più in Francia...
- Salvini è stato di parola: sono le prime misure per il contenimento della spesa pubblica.
BERLUSCONI
Berlusconi si è infuriato con Salvini perché adesso teme che Di Maio gli farà chiudere le sue televisioni.
Salvini lo ha però tranquillizzato: le TV restano le sue a patto che cambino i programmi.
Ed ecco un primo elenco stilato dallo stesso Di Maio:
"TG Cinque" diventa "TG Cinque Stelle".
"Striscia la Notizia" diventa "Striscia la Notizia Fake".
"Amici di Maria De Filippi" diventa "Amici di Beppe Grillo".
"Il Grande Fratello" diventa "Il Grande Figlio" e lo conduce Davide Casaleggio.
"Forum" diventa "Forum via FB".
"Tiki Taka" diventa "Ki ti Kaka", programma di sputtanamento degli avversari politici.
"L'Isola dei Famosi" diventa "L'Isola dei Fumati".
"Casa Russia" parte come programma calcistico dei Mondiali di Russia ma diventa subito dopo "Casa Putin".
HIV
- Trovato positivo all'Hiv: aveva avuto rapporti non protetti con 228 potenziali vittime...
- Ignoravo che anche i conigli potessero trasmettere l'AIDS.
PD
Il PD alle ultime elezioni ha perso e starà all'opposizione. E i vari leader hanno detto che il partito farà una opposizione durissima. A se stesso.
CONTE E MACRON
Caso Aquarius. Il Presidente francese Macron telefona al Presidente del Consiglio italiano.
"Bonjour, mon Président" gli risponde educatamente Conte. E Macron: "Sciao...s'il vous plait...mi passi monsieur Salvinì?".
SCONTRI LINGUISTICI
- Altra gaffe del ministro Di Maio che si scontra nuovamente con l'italiano.
- Salvini fa peggio: si è scontrato col...francese!
PORTOBELLO
- In autunno riparte lo storico programma Rai, "Portobello"...
- La rete c'è, la conduttrice pure, manca solo il pappagallo.
- Giuseppe Conte?
VIA RAGGI?
- La Sindaca di Roma riesce in quel che nemmeno Alemanno aveva fatto: intestare una via ad Almirante...
- A quando...via Raggi?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...