giovedì 28 aprile 2016

L'apparizione dell'Incoronata, nei versi di Michele Frattulino

L’amico Michele Frattulino, poeta dialettale e cultore del dialetto e della tradizione foggiana ha pubblicato sulla bacheca del gruppo Amici e lettori di Lettere Meridiane questo gustoso commento al post sul 26 aprile, data che per Foggia segna l’apparizione della Madonna Incoronata (1001) e della Madonna dei Sette Veli (1243)
Ecco il testo, in dialetto, del contributo di Michele Frattulino con la sua bella poesia, dedicata all'apparizione della Madonna della Incoronata. Segue la mia traduzione, spero corretta.
Se ancora non l’avete fatto, iscrivetevi al gruppo Amici e Lettori di Lettere Meridiane, perché - come vedete - offre contenuti aggiuntivi rispetto alla pagina Facebook e al blog.
* * *
BBuonasére a tùtte l'amìce e non... Ggiùstamènde, kum'arrekurdàve l'amìke Geppe Inserra, la data del 26 aprile è comune alle apparizioni della Madonna dei Sette Veli e della Madonna dell'Incoronata. - Non ci abbiamo prestato attenzione e comunque, anche se postata, pe kki 'a vòle lègge: 
Apparizziòne
Se parla aqquà, quàse d’u Mille e ùne:ere l ‘ùmete sabbete d’abbrile. 
Ndo voske d’u Cervàre nu merakule, kè moké ’u kkonde, ve fàce arrezzà ‘i pìle.
Nu segnurotte kè guvernàve ‘a Pùglie- ‘i libbre dìnne ‘u konde d’Arìjàne - 
mèndre durméve, facìje nu bbèlle sunne:- Nu daine d’e forme tùtte stràne.‘
Sta bbèstie kè kurréve ndè cespùglie, l’allumenàve na lùce forte e kkiàre. 
Se dùscetàje, sellàje priste ‘u kavalle e jìje a kkacce ndo voske d’u Cervàre.
Kume ind’o sunne, vedìje nu fasce de lùce; Sendìje na vòce: “ Ìje sonde ‘a Mamme de Dddìje!”
- S’addenukkiàje ‘e pide de na quérce –“ Rekurdete mò quìlle kè dìk’ Ije!”
A quìstu pìzze, vogghie na kappèlle!Vogghie esse amàte da na morre de ğğènde!”
Sparìje ‘a lùce e ‘o poste sùje na Statuekè fàce grazzie a ki nenn’eje kundènde.
Nzimme ‘o signòre, ce stéve nu buvàre- nu cérte Strazzakappe - dìce ‘a storije; 
purtàve a pasce ‘i vòve nda ‘sta zzòne,kè se kiekarene pe l’adorazziòne.
‘Stu Strazzakappe pigghiàje nu bbuattìlle:l’anghìje d’uglie e l’appennìje sòp‘ a nu ràme; 
mettìje ‘u lucìnije e dòpe l’appicciàje, e st’uglie pe anne nen ze kunzumàje.
Traduzione
Buonasera a tutti, amici e non. Giustamente, come ricordava l'amico Geppe Inserra, la data del 26 aprile è comune alle apparizioni della Madonna dei Sette Veli e della Madonna dell'Incoronata. - Non ci abbiamo prestato attenzione e comunque, anche se postata, per chi la vuol leggere: 
Apparizione 
Qui si parla quasi dell’anno Mille e uno: era l’ultimo sabato di aprile. Nel bosco del Cervaro, un miracolo, che quando ve lo racconto vi farà rizzare i peli (per l’emozione).
Un signorotto che governava la Puglia - i libri dicono che si tratti del Conte di Ariano, mentre dormiva, fece un bel sogno: Un daino dalla forma alquanto strana. Questa bestia che correva verso i cespugli, l’illuminava una luce forte e chiara.
Si svegliò, sellò rapidamente il cavallo e andò a caccia nel bosco del Cervaro. Come nel sogno, vide un fascio di luce; Sentì una voce “Io sono la Mamma di Dio”
Si inginocchiò ai piedi di una quercia. Adesso ricordati quello che ti dico. In questo posto, voglio una cappella. Voglio essere amata da una folla di persone.
La luce scomparve, e al suo posto una statua fece grazie a chi non è contento.
Assieme al signore, c’era un bovaro, un certo Strazzacappa - dice la storia. Portava a pascolare i buoi in questa zona e questi si inginocchiarono in segno di adorazione.
Questo Strazzacappa prese un barattolo, lo riempì d’olio e l’appese sopra un ramo. Vi pose dentro un lumino,  l’accese, e quest’olio per un anno intero non si consumò.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...