sabato 12 marzo 2016

Al terminal della stazione il Monumento ai Caduti del 1943. Senza se e senza ma.

Ogni tanto mi faccio prendere la mano, lo ammetto. Il fatto è che oltre ad amare questa città, ogni giorno sempre di più (e non credo che dovrebbe essere così, quando si raggiunge un'età che consiglierebbe semmai un certo distacco), mi piace far discutere le persone. Per dirla tutta, come ben sanno i lettori e gli amici di Lettere Meridiane, trovo che il maggior problema di Foggia e della Capitanata, il più evidente bug, direbbe l'amico Michele Lauriola, stia nella mancanza, o nella rarefazione, di un'opinione pubblica.
Insomma mi lascio prendere la mano, a volte da cose amene: tipo la polemica sulla intitolazione del nuovo terminal bus  o la proposta di adornarlo col murale che sta attualmente a viale Candelaro e che mostra i versi della bella canzone Foggia di Eugenio Bennato.
A volte, a furia di contare gli alberi, si perde di vista la foresta. Riavvolgiamo il nastro, allora.
Da tempo il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha promesso che il nuovo terminal ospiterà il monumento alle vittime dei bombardamenti del 1943, voluto dall'omonimo comitato, fondato a suo tempo da Alberto Mangano, e dai cittadini  che hanno contribuito con i loro fondi alla sua realizzazione.
Giusto, sacrosanto, inevitabile, starei per dire. Lo ritenevo così scontato che ho preferito dedicare tempo e spazio ad argomenti più ameni, come quello succitato.
Quel luogo è legato a doppio filo alla storia della città, proprio a causa dei bombardamenti e dallo spaventoso incendio del sottopassaggio, che il 22 luglio del 1943 aggiunse orrore ad orrore.
Il fondatore ed animatore del Comitato, Alberto Mangano (che potrà pure non essere simpatico a qualcuno, ma, piaccia o no, è colui che a Foggia ha rilanciato l'idea di un monumento che ricordi la tragica estate del 1943 e che si è adoperato per dare a questo sogno un'attuazione concreta, dopo più di settant'anni) ha lamentato un certo silenzio del Comune a proposito della iniziativa del consigliere comunale Pasquale Cataneo, che ha proposto il trasferimento al terminal della locomotiva attualmente ubicata vicino al boschetto comunale (in una location, va detto, assolutamente dimessa e per nulla coerente con il valore simbolico di quella locomotiva).
In una lettera aperta a Il Mattino di Foggia, Mangano chiede al sindaco Landella di "sapere dall'Amministrazione se esiste ancora la volontà di andare avanti con il progetto che vanta centinaia di sottoscrittori, se poi un consigliere che fa parte della sua maggioranza ha altre idee, altrettanto nobili, per la valorizzazione dell'aiuola dinanzi al terminal."
Non conosco personalmente Cataneo, ma da interventi che leggo spesso sul social (alcuni dei quali anche sui post di Lettere Meridiane) lo ritengo persona sensibile ed intelligente. La sua presa di posizione tra origine dalla opposizione all'idea di intitolare l'opera a Vincenzo Russo. Non credo che Cataneo avesse la minima intenzione di suggerire all'Amministrazione di cui fa parte dietro front rispetto al Monumento, né c'è alcuna ragione per pensare che il sindaco Landella non intenda mantenere gli impegni assunti.
Probabilmente, Cataneo si è fatto prendere la mano dalle polemiche provocate dalla ventilata decisione della Giunta municipale di intestare la struttura all'on. Russo.
Per evitare il rischio di farmi prendere la mano anche io, ribadisco: prima di tutto, prima della intitolazione, prima dell'eventuale trasferimento nelle aree del terminal di altri pezzi dell'arredo urbano cittadino, va risolta la questione del monumento ai caduti della tragica estate del 1943, che si concentrarono proprio nell'area della stazione ferroviaria, premiando gli encomiabili sforzi di Alberto Mangano e del suo comitato.

4 commenti :

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Maurizio De Tullio ha detto...

Certo che a Foggia ci piace spaccare ogni volta il capello in quattro... per continuare a non decidere mai nulla.
Circa la polemica sulla/sulle intestazioni del Terminal mi permetto di ricordare che parliamo di due cose diverse, che non cozzano affatto l'una con l'altra.
Intestazione (con o senza murales): al di là delle suggestioni su Bennato, trattandosi di una infrastruttura che (spero) accoglierà sempre più turisti, la intesterei a Federico II, aggiungendovi i bellissimi versi del figlio Enzo. Con il contestuale impegno, però, che si faccia giustizia del vergognoso stato in cui versa il sito di Fiorentino, ove l'imperatore morì.
Monumento a ricordo delle vittime dei bombardamenti del 1943: qui occorre far chiarezza. Landella può anche far la voce grossa ma bisognerebbe rispettare il progetto iniziale e l'impegno che Ciliberti profuse per questo Terminal, voluto da quel tanto vituperato Sindaco e non dall'attuale. E all'epoca fu prevista una locazione per ospitare il monumento (o la statua), volontà ribadita da Mongelli ma polemicamente osteggiata dal Comitato (degli amici Mangano e Aiezza).
Solo per la cronaca ricordo che la prima idea di monumento alle vittime risale al 1946!! Se ne parlò sui giornali dell'epoca col tono di chi si stupiva che "ancora non sia stata predisposta un'opera a ricordo dell'immane tragedia". Poi arrivò nel 2002 il Comitato intestato a p. Odorico Tempesta e molti anni dopo il rilancio della proposta da parte di Alberto Mangano.
Sono passati "solo" 70 anni dalla prima sollecitazione e stiamo ancora a parlare, a polemizzare, a dividerci.
Cordialmente
Maurizio De Tullio

Alberto Mangano ha detto...

Solo per la cronaca ribadisco che il comitato non ha mai osteggiato nessuno. Ci siamo costituiti durante l'amministrazione Mongelli e, sin dal primo incontro con il sindaco, abbiamo visto, nel progetto del terminal, un'area destinata al monumento costituita da tre pareti. A noi andava bene e va bene quella, ci va bene mettere un monumento nella villa, in via vittime civili, dappertutto con la massima disponibilità. Noi siamo intransigenti solo sul fatto che non si debba perdere altro tempo, ma non vogliamo mettere nessuna firma a nessun progetto. Ci piace aver contribuito a svegliare le coscienze, ma noi non abbiamo mai osteggiato nessuno.
Se il sottoscritto è intervenuto a seguito delle dichiarazioni di Cataneo, lo ha fatto perchè lo stesso aveva fatto riferimento ad una aiuola sulla quale sta lavorando l'Accedemia delle Belle Arti per il posizionamento del monumento alle vittime e dove c'è già stato un sopralluogo dell'ufficio tecnico del comune. Ho quindi chiesto all'amministrazione comunale, guidata da Landella e sostenuta dallo stesso Cataneo, se fosse cambiato qualcosa rispetto a quanto promesso nei numerosi incontri ai quali il comitato è stato invitato.
Il tutto sempre senza polemica ma nell'ottica di tutelare chi ci ha dato mandato, tramite una sottoscrizione, di realizzare un qualcosa che in città manca ancora.
Io sarò anche simpatico a pochi, ma ancora una volta, nell'istituzione del 28 maggio come giornata del ricordo, evento proposto da noi al sindaco a settembre, ho incontrato e lavorerò con altre associazioni perchè credo che si possa raggiungere qualsiasi risultato unendo le forze e le risorse che in questa città non mancano.
Alberto Mangano

pasquale cataneo ha detto...

Sulla primogenitura suggerisco la lettura di questa relazione presentata e discussa nella sala del Tribunale della Dogana il 12.07.1999 http://www.pasqualecataneo.it/foggia/images/documenti/Relazione_Cataneo_Pasquale_IL_SISTEMA_DEI_TRASPORTI_E_DEI_SERVIZI_IN_CAPITANATA_Foggia_12071999.PDF
con gli allegati http://www.pasqualecataneo.it/foggia/images/documenti/Allegati_Relazione_Cataneo_Pasquale%20IL_SISTEMA_DEI_TRASPORTI_E_DEI_SERVIZI_IN_CAPITANATA_Foggia_12071999.PDF
e la scheda tecnica
http://www.pasqualecataneo.it/foggia/images/documenti/Scheda_Tecnica_Relazione_Cataneo_Pasquale_IL_SISTEMA_DEI_TRASPORTI_E_DEI_SERVIZI_IN_CAPITANATA_Foggia_12071999.PDF
Dopo sono disponibile anche ad un pubblico incontro.
Pasquale Cataneo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...