venerdì 29 agosto 2014

Foggia e (è?) la bellezza

Sbagliare a digitare l’accento nel titolo di un post, scambiando la copula con la congiunzione, è imperdonabile. Mi è successo ieri, nella lettera meridiana intitolata Perché Foggia è bella (ma non ce ne accorgiamo), titolo che nella prima versione suonava Perché Foggia e bella (ma non ce ne accorgiamo).
L’avevo corretto quasi subito sul post originale, ma purtroppo la piattaforma che genera il blog e che governa la condivisione dei collegamenti sul social network, non consente la correzione “a posteriori”. Una volta fatto, l’errore resta.
Chiedo scusa ai lettori, e non intendo giustificarmi dietro la considerazione che l’errore era così evidente e lapalissiano da non trarre in inganno circa il reale significato del titolo. Così come accetto volentieri le bacchettate che nei loro commenti mi sono state inferte da diversi lettori (accetto meno, però, che basti un errore ortografico a mettere in discussione la mia competenza grammaticale che non sarà eccelsa, ma ha pur sempre alle spalle più di quarant’anni di professione).
Quel che mi amareggia è che sarebbe bastato cliccare sul collegamento per andare al post e trovarvi titolo ed articolo corretto, il che sono in tanti a non fare su Facebook, anche quando esprimono le loro opinioni o i loro "mi piace".

Ci si limita al titolo e al sommario che lo accompagna, senza darsi la pena di leggere.
L’articolo parlava di un macroscopico problema di Foggia: la sua difficoltà ad entrare in relazione con quella straordinaria risorsa che è rappresentata dal territorio provinciale, ovvero a  sentirsi e ad essere nei fatti un autentico capoluogo.
Fermarsi all’accento sbagliato mi sembra francamente un po’ riduttivo.

2 commenti :

Luigi Paglia ha detto...

Caro Geppe,
non pensarci, può succedere. Io ho sempre paura che possa incorrere in un tale infortunio, o per una disattenzione o per un… dispetto del computer, dopo 40 anni nei quali ho insegnato a migliaia di alunni la differenza tra la copula e la congiunzione e ho corretto l’errore in centinaia di compiti. Ma ciò che vale e che resta sono le idee.
Gino Paglia

Vincenzo Concilio ha detto...

La "e" non accentata di "Foggia e bella" non è come il punto per cui Martino perse la cappa: "Porta patens esto nulli. Claudatur honesto", cioè "La porta non resti aperta per nessuno. Sia chiusa all'(uomo) onesto".

In fondo si tratta di un errore veniale che capita a molti di noi. E' sufficiente un "errata corrige" per sistemare tutto. Il blog è mobile...

Non vale quì neppure il detto di Manzoni per il quale, non sarebbe bastata una vita per rimediare a un errore.

Gli errori ci rendono più umani e la comunità più stretta, più uguale.

Che bello sbagliare ogni tanto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...