mercoledì 5 febbraio 2014

Potenza (Adiconsum): Volontariato protagonista del futuro del territorio

Ricevo e pubblico molto volentieri la lettera che segue, con il relativo allegato, del presidente dell’Adiconsum, Giuseppe Potenza. Il progetto illustrato da Potenza è quello che riguarda l’eccellenza turistica dei Monti Dauni: una sfida impegnativa che, come si legge nella nota, riguarda diverse istituzioni, associazioni, pezzi della società civile.
* * *
Caro Geppe,
ho letto l'articolo: il sottosviluppo è colpa anche della società civile e condivido con te le conclusioni. Qualcosa, però, le associazioni di volontariato stanno cercando, a fatica, di fare, per modificare la situazione. Segnalo, qui di seguito, la partecipazione di alcune associazioni ad un interessante progetto. Ti leggo sempre con attenzione e stima.
Cordiali saluti
Il presidente provinciale dell'Adiconsum
Giuseppe Potenza
* * *
IL PROGETTO
La Camera di Commercio I.A.A. di Foggia, per il tramite della sua Azienda Speciale CESAN, assieme a Provincia di Foggia, Promodaunia e GAL Meridaunia, sono impegnate nell'attuazione di un progetto di valorizzazione del territorio dei Monti Dauni che l'Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione, sta organizzando sul territorio provinciale su impulso dell'Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo di Regione Puglia.

La Camera di Commercio, in particolare, curerà la realizzazione delle attività di tutoraggio e accompagnamento alla qualificazione delle eccellenze del territorio; l’identificazione e la mappatura di itinerari turistico-culturali sul territorio dei Monti Dauni; l’animazione territoriale e l’orientamento delle strategie di commercializzazione dei prodotti turistici individuati.
La Provincia, grazie alle competenze dell'Ufficio all'Assetto del Territorio, curerà la infrastrutturazione dei primi 36 km pugliesi della Via Francigena, nel tratto tra Faeto-Celle San Vito e Lucera, provvedendo anche alla idonea segnaletica per camminatori e viaggiatori.
Promodaunia ha il compito di provvedere all'animazione territoriale e, in particolare a svolgere attività di analisi per giungere alla definizione di "prodotti territoriali", tra cui in particolare il calendario unico degli eventi.
Il GAL Meridaunia, con fondi PSR, prosegue la sua azione di sviluppo rurale coordinando i propri interventi con il Progetto di Eccellenza, ricercando un'integrazione che aumenti l'efficacia delle azioni, soprattutto verso i mercati internazionali.
FORUM PERMANENTE DEL TURISMO
Il partenariato, così come delineato, costituisce il "Forum permanente del Turismo sui Monti Dauni", al quale partecipano anche i rappresentanti delle Associazioni nazionali che hanno sottoscritto il protocollo d'intesa: Club Alpino Italiano, Touring Club Italiano, Legambiente, FAI Fondo per l'Ambiente Italiano, Borghi più Belli d'Italia, Borghi Autentici d'Italia, Città del Bio e Slow Food.
* * *
Ringrazio molto Potenza per il suo intervento e per la stima che ha voluto così simpaticamente manifestarmi. Concordo: il progetto di eccellenza turistica è una sfida per tutto il territorio, che chiama in causa le diverse componenti della società: le istituzioni locali, il mondo dell’impresa, la cittadinanza attiva che si esprime nelle associazioni, e della cui capacità di essere protagonista nei fermenti di futuro della nostra terra non ho mai dubitato. Il forum permanente del turismo ha in questo senso un valore simbolico che trascende lo stesso progetto: è un banco di prova di maturità, per tutti.
Il deficit che innesca il sottosviluppo sta proprio nella “leggerezza” della cittadinanza attiva ed organizzata. Maggiore è il suo peso specifico, più alta è la sua capacità di contare, di essere parte attiva e propulsiva delle dinamiche dello sviluppo.
Le considerazioni di Sergio Stallone, nell’articolo citato da Potenza, da me del tutto condivise, riguardavano piuttosto i cittadini singoli. Non certo la società civile.
Invito quanti lo volessero a rileggere le riflessioni che ho svolto sul tema in un vecchio post di Lettere Meridiane scritto in occasione del dramma dei rifiuti, quando Foggia era più sporca che mai. Siamo foggiani oppure indigeni?, mi chiedevo. Chi volesse conoscere la riposta faccia clic su questo collegamento.

1 commento :

Michele Lauriola ha detto...

Geppe, ancora congratulazioni perché riesci a cogliere molte interessanti idee che la collettività, opportunamente stimolata, da per tutelare e per far crescere i territori della Capitanata. Il progetto segnalato da Giuseppe Potenza va sostenuto e integrato con la partecipazione di tanti altri gruppi che stanno sostenendo numerose iniziative, proponendo idee e sviluppando progetti che riguardano i territori della Capitanata. Mettere a reddito i territori della Capitanata appartiene a tutti, allora,Tutti Pro Capitanata, Tutti Pro Foggia, Tutti Pro Monti Dauni. Se sapremo fare rete, se faremo spazio alla cultura, alla capacità, al merito, all’innovazione, alla solidarietà, all’integrazione si farà spazio alla “dignità” di tutti i territori e delle rispettive comunità. Mettiamoci tutti a disposizione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...