martedì 5 novembre 2013

Congresso Pd, il festival dell'autoreferenzialità

Nino Abate è una bella persona, oltre che un mio fraterno amico. Cattolico, fine intellettuale e poeta, di cultura umanista e socialista. Siamo uniti dalla stessa visione della vita, terrena e non, e dalla consapevolezza dell’importanza fondamentale della cultura, come strumento di promozione sociale ed economica. Ci unisce anche la comune simpatia per il Pd, ma nel dibattito interno abbiamo assunto spesso posizioni divergenti, com’è successo alle ultime primarie: lui con Bersani, io con Renzi.
Vedere che all’inizio della stagione congressuale del Pd si è schierato con Michelangelo Lombardi, renziano della prima ora, è stata per me una piacevole sorpresa, tanto più che l’ultima cosa che si possa dire di Nino Abate è che sia uno aduso a saltare sul carro del vincitore. Più spesso gli è semmai accaduto il contrario: si è trovato in posizioni di minoranza, e da questa posizione ha sempre combattuto le sue battaglie con onestà e con coerenza.
Sapete tutti com’è andato a finire il congresso provinciale del Pd: è stata un’altra occasione perduta per dare senso, anima e prospettiva al più grande partito del centrosinistra, al di là del risultato che dà ragione all’avversario di Lombardi, Raffaele Piemontese, ma di strettissima misura e, soprattutto, con un inquietante e amaro codazzo di veleni e di polemiche.
Con la lucidità di sempre, Nino Abate ha depositato sul social network, nel bel mezzo del solito includente confronto tra le due opposte fazioni un amarissimo annuncio, che però fotografa con nitidezza quanto sta accadendo in seno al Pd: “Sono stufo, mi sento un pesce fuor d'acqua. Salvo solo Michelangelo Lombardi. Ma non c'è futuro per questo PD. Peccato. Ci avevo creduto. Good bye.”

Ancora una volta, sono d’accordo con Nino: mi sento anche io un pesce fuor d’acqua, tanto più che quanto accade in questa provincia dell’impero che è Foggia, si ripete pari pari al centro: Renzi-Cuperlo guerra dei voti, titola l’Unità. Ci si accalora sui dati, come se bastasse l’aritmetica a governare il paese, è il Pd sembra prigioniero più che mai di quel male sottile che l’ha avvelenato fin dall’inizio: l’autoreferenzialità, l’incapacità di accorgersi che - oltre le tessere, oltre i circoli, oltre i riti congressuali - c’è un mondo fuori, che vorrebbe si tornasse a ragionare di politica, al centro come in periferia. 
Un mondo di pesci che boccheggiano perché non sanno nuotare nelle acque stagnanti e melmose di questa politica.

3 commenti :

NEWS DAVIDE LECCESE ha detto...

Ho fatto politica attiva tantissimi anni fa, con incarichi prestigiosi e con ampie prospettive di "carriera". La mia adesione a quella che, a suo tempo, veniva definita la "balena bianca", mi ha messo di fronte al gioco delle correnti e a trucchetti che turbavano le poche coscienze non del tutto unte dalla lotta per vincere, ad ogni costo. Ebbene, credevo che quell'epoca fosse morta e sepolta, persino inimitabile. Non è così. Per questo sono più che mai convinto del bisogno dell'inappartenenza se il PD - a stare alle lotte intestine - ritorna su quegli schemi che furono del partito suo maggior avversario. La Prima Repubblica non solo non è morta ma è risorta come fantasma indegno e amaro di un mancato riscatto dalla politica dei politicanti.

Giampiero Protano ha detto...

Non sono d'accordo con Nino. Concordo con Geppe. Non sono d'accordo con Nino perchè, oltre Michelangelo Lombardi, ci sono altre persone nel PD coerenti e disinteressate nel fare politica. Sono d'accordo con Geppe : l'autoreferenzialità è il problema del PD, come di tutti i partiti. "La strada della libertà e del cambiamento è lunga" mi disse un caro amico.
Ed è purtroppo vero! Io non mi arrendo. Mi impegnerò con Matteo Renzi e con gli altri innovatori a cambiare il PD per cambiare l'Italia. Giampiero Protano

Girolamo Arciuolo ha detto...

sento molto vicine alla mia sensibilità le espressioni di un renziano, di un cuperliano e di un vecchio dirigente della Balena bianca.
tutte persone affini sul piano intellettuale ed etico, profondamente inserite, informate, impegnate. ecco, io direi che la discussione avviata e il percorso di ricostruzione del pd di capitanata possa e debba avvenire a partire dai temi e senza alcun dubbio questo è il tema matrice.

queste grida di allarme saranno sentite e fatte oggetto di approfondita, insisitita sincera riflessione?
questa è la domanda.
Credo che Raffaele Piemontese e Michelangelo Lombardi possano iniziare il confronto pubblico a partire da questi spunti di riflessione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...