domenica 8 settembre 2013

Il turismo in Puglia secondo Google Trend: svetta Gallipoli, quindi Otranto, Ostuni e Vieste

Gallipoli

L'amico Gaetano Berthoud è da anni impegnato sul fronte della promozione turistica del Gargano: è infatti l'editore della bella e preziosa guida Tutto Gargano (storicamente, la prima nel suo genere) nonché del portale tuttogargano.com, che offre informazioni veramente molto dettagliate sia sul territorio della Montagna del Sole, che sull'offerta turistica.
Gaetano ha commentato il post di Lettere Meridiane in cui mettevo a confronto su Google Trend Gargano e Salento, invitandomi a considerare quale termine di ricerca non i toponimi dei territori aggregati, ma piuttosto i nomi delle città. "Vieste - questa la tesi sostenuta da Berthoud - è più conosciuta di "gargano". Vieste, intesa come keyword, da sola le brucia tutte le mete salentine."
L'opinione di Gaetano è senza dubbio accattivante, ma è vera solo in parte. Per verificarla ho infatti effettuato altre due query su Google Trend: la prima per capire il posizionamento di Vieste in riferimento al Gargano ed alle altre località turistiche del promontorio, la seconda mettendo a confronto Vieste con altre località turistiche pugliesi, in particolar modo salentine.

Ho limitato la ricerca alla sola categoria riguardante i viaggi, sembrandomi quella più pertinemte per descrivere la potenzialità turistica della località analizzata. I due grafici interattivi sono pubblicati al termine del post, assieme al link che rimanda al rapporto completo su Google Trend.
Dal primo grafico si rileva che Berthoud ha sostanzialmente ragione quando dice che Vieste è più conosciuta del Gargano. Per amore di verità, bisogna puntualizzare però che è "quasi" più conosciuta del Gargano. Nel periodo storico che Google Trend prende in considerazione (dal 2004 a oggi) il Gargano è stato quasi sempre maggiormente cercato rispetto a Vieste, raggiungendo il picco (che Google Trend pone ad indice 100, cioè il massimo, a luglio del 2004).
La tendenza sembra però essersi invertita, proprio negli ultimi tempi: più o meno dal 2008, infatti Vieste sopravanza costantemente il termine Gargano nella classifica del motore di ricerca. A determinare il sorpasso è stato da un lato la migliore performance di Vieste, dall'altro una certa flessione del Gargano, che viene sempre meno ricercato su Google.
Seguono, ben distanti, le altre località garganiche, ed è significativo per quanto riguarda l'impatto turistico, che Manfredonia, ovvero la città più popolosa del promontorio, è all'ultimo posto tra quella prese in considerazione.
I valori medi del periodo 2004-2013 vedono in testa il Gargano, con un indice medio di 32; segue Vieste con 26. Quindi, appaiate, Rodi Garganico e Peschici a 9. Chiude Manfredonia, a 3.
La seconda query mette invece Vieste a confronto con altre località turistiche particolarmente ricercate della Puglia: Gallipoli, Otranto e Ostuni. Il risultato non è, purtroppo, quello presagito da Gaetano Berthoud. Tra l'altro, l'andamento delle ricerche nel tempo conferma l'impressione su cui Lettere Meridiane sta riflettendo da alcuni giorni, e cioè che il Gargano e le sue località turistiche sembra stiano vivendo una fase di stagnazione, almeno in termini di immagine e di brand.
A raggiungere il picco delle ricerche è stata infatti Gallipoli, e soltanto qualche settimana fa, nello scorso mese di agosto.
Mentre Gallipoli faceva segnare l'indice di picco (100), le altre località denotavano le seguenti performance: Otranto, 48, Vieste 40, Ostuni 39.
A luglio 2004, le posizioni in classifiche erano le stesse, ma con differenze più sfumate almeno per quanto riguarda il podio: Gallipoli si attestava infatti su un indice di 85, Otranto a 77, Vieste a 40 e Ostuni a 33.
Prendendo in esame la medie dell'intero periodo, Vieste non si classifica però nei primi tre posti, in quanto viene sorpassata da Ostuni: la graduatoria sull'intero periodo vede sempre in testa Gallipoli (41), quindi Otranto (24), quindi Ostuni (18) e Vieste (17).
La migliore performance media di Ostuni rispetto a Vieste si spiega con il fatto che la località brindisina esibisce indici migliori di quella garganica nella bassa stagione, ed è anche questo un dato che conferma la criticità della congiuntura che sta attraversando il turismo garganico.

3 commenti :

Domenico Sergio Antonacci ha detto...

da considerare il target garganico meno giovanile di quello salentino e quindi meno avvezzo all'utilizzo di internet.

d'altra parte nelle ricerche "gargano" ci sono anche quelle del giocatore di calcio

e chissà quante altre variabili...

san giovanni rotondo? santuario di san pio? santuario di padre pio?..

"gargano" non è un marchio, salento si.

Geppe Inserra ha detto...

Il punto, caro Domenico, è proprio questo: bisogna attrezzarsi e fare in modo che anche il Gargano diventi un marchio, così come il Salento. Credo che farò altre indagini su questo, utilizzando lo strumento di Google Trend (N.B. : è possibile limitare la ricerca ad alcune categorie... tipo viaggio, o tempo libero)

Anonimo ha detto...

A volte le classifiche dicono tanto ma a volte niente. Meglio concentrarsi sulle poche cose da fare e non stare sempre lì a ragionare sui massimi sistemi. Dove sono i nostri manager in questo caso, quelli che tanto si pavoneggiano sui rispettivi siti personali o pontificano dalle pagine de "L'Attacco"?
La dimostrazione che quando si vuole si può fare molto - in maniera sinergica, convinta, fattuale - lo hanno dimostrato in questi anni i nostri bei Monti Dauni, che, in silenzio, hanno ottenuto credito e visibilità (senza alcuna classifica) "Bandiere Arancioni" o l'inclusione tra i "Borghi più belli d'Italia".
E poi convinciamocene: il Gargano non è un marchio perché non si può "fare sistema" dove i... sistemi, da sempre, sono altri.
(Maurizio De Tullio)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...