martedì 26 febbraio 2013

Raffaele Vescera: "Da oggi niente sarà più come prima"



Così Raffaele Vescera si definisce su Facebook: “Giornalista per necessità e scrittore per dannazione. In quanto al mio cuore, da quando sono nato batte a sinistra, in basso verso sud.” Giornalista intelligente e scrittore raffinato, Raffaele offre sul social network una lettura meridionalista del risultato elettorale e del successo di Beppe Grillo che fa riflettere parecchio. A cominciare dal titolo, decisamente apodittico: “Da oggi nulla sarà più come prima”.
“Prepariamoci a sentire il botto – annota Vescera nel suo “stato” -. Tutto ce lo fa pensare, la neve che seppellisce il nord sotto un candido manto purificatore dei suoi vecchi peccati, la pioggia che dilava il Sud dalla sua antica subalternità e l'Etna che festeggia eruttando lava e lapilli in un nuovo magma che modellerà altri paesaggi.
Festeggia già tutto il mondo, tra borse al rialzo e spread al ribasso.
Finisce un incubo durato vent'anni, ma se ne crea un altro. Il potere s'arroccherà nelle camere segrete delle massonerie, delle mafie e dei partiti per studiare nuove strategie che salvino gli antichi privilegi. E chissà se non ricorrerà ai già visti terrori sanguinari.
Prepariamoci a lotte più grandi. Il cambiamento è un percorso ad ostacoli, pieno di buche, trappole, serpenti velenosi e uccelli rapaci. La liberazione del Mezzogiorno passerà attraverso il buio della mezzanotte. Nulla ci appartiene se non i nostri mali, e la lotta per debellarli.”
Concordo con Vescera. Per il Mezzogiorno potrebbe cominciare una nuova era, aprirsi un’altra stagione: ammesso che si abbia veramente voglia di cambiare e che non prevalgano, come accade da tempo immemorabile, da queste parti i gattopardi.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...