martedì 9 gennaio 2018

Foggia che non c'è più: la fontana "a triplice getto" del Piano delle Fosse

Impreziosita dall’algoritmo di colorizzazione automatica (ma anche in semplice bianco e nero restaurato digitalmente), ecco per gli amici e  i lettori di Lettere Meridiane una rara, quanto significativa, immagine di Foggia che non c’è più: la Fontana a triplice getto che sorgeva al Piano delle Fosse, e che - come l’immagine mostra inequivocabilmente - era particolarmente apprezzata dalla popolazione che ruotava attorno al Piano, autentico polmone produttivo e commerciale della Foggia di allora.
Tenuto presente che l’immagine deriva da una fotografia scattata dai tecnici dell’Acquedotto Pugliese, con finalità documentarie, possiamo stabilire con sufficiente approssimazione la data in cui venne realizzata: dopo il 21 marzo del 1924, giorno in cui venne inaugurata la Fontana per eccellenza del capoluogo dauno, la Fontana del Sele di piazza Cavour. Probabilmente tra il 1924 e il 1930.
Non si trattò soltanto di una cerimonia e del battesimo di un monumento che sarebbe divenuto il simbolo della città, ma di qualcosa di più: il primo getto d’acqua uscito dalla fontana simboleggiava l’arrivo dell’acqua pubblica a Foggia, evento che avrebbe contribuito a spegnere una sete che rappresentava un problema endemico, nonché un fattore critico per la qualità della vita cittadina.
L’arrivo dell’acqua del Sele fu accompagnato dalla realizzazione, a cura dell’Acquedotto Pugliese di numerose fontane pubbliche, tra qui quella, effettivamente maestosa, installata al Piano delle Fosse, che erogava il prezioso bene da tre cannule che dovevano assicurare una distribuzione cospicua ai molti assetati.

Quanto il servizio fosse gradito è testimoniato dall’autentica folla di persone immortalate dall’obiettivo del fotografo, e che facevano la fila per attingere l'acqua: quasi una festa popolare che dimostra quanto il problema idrico fosse sentito dalla popolazione. 
La colorizzazione è stata effettuata utilizzando la tecnica di intelligenza artificiale “profonda” di Satoshi Iizuka, Edgar Simo-Serra e Hiroshi Ishikawa (Let there be Color!: Joint End-to-end Learning of Global and Local Image Priors for Automatic Image Colorization with Simultaneous Classification).
Per scaricare l’immagine ad alta risoluzione, utilizzate i collegamenti qui sotto:
Fontana del Piano delle Fosse colorizzata;
Fontana del Piano delle Fosse in bianco e nero.


Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...