domenica 1 gennaio 2017

Il Foggia tra le dieci squadre più belle del 2016

Una volta tanto ecco una classifica che ci esalta, e non ci demoralizza.
Ed è bello aprire l’anno con questa “chicca” che mi è stata segnalata dall’amico Ettore Braglia, sempre molto attento quando si tratta di cose del Foggia e dei grandi personaggi che hanno onorato e onorano la nostra terra.
Il Foggia (di De Zerbi) è stato inserito tra le dieci migliori squadre del 2016 dal sito specializzato in filosofia del calcio L’ultimo uomo.
Manco a dirlo, i satanelli sono la sola squadra di Lega Pro che sia stata insignita di cotanto riconoscimento, e figurano nella classifica  al fianco di (in ordine rigorosamente alfabetico, così come fa L’ultimo uomo) Chapecoense, Cile, Juventus, Leicester, Napoli, Real Madrid, Portogallo, Rasenball-Sport Lipsia e Siviglia.
Autore della classifica è l’editorialista del sito, Flavio Fusi, che a proposito dei satanelli scrive:
Per come è finita la sua stagione e per il livello in cui gioca, quella del Foggia potrebbe sembrare una scelta controversa. Ma l’esperienza del Foggia di De Zerbi nella passata stagione è qualcosa che va oltre i risultati e le categorie.
Come scriveva Alex Belinger, l’ex allenatore del Palermo ha dimostrato che anche in Lega Pro si può giocare un calcio diverso, basato sui principi del gioco di posizione, una filosofia che sta emettendo anche i suoi primi vagiti anche in Serie A. Non serve avere giocatori della qualità del Bayern o del Barcellona di Guardiola per attuare un possesso scientifico e il gegenpressing: possono bastare le idee di un allenatore brillante e l’applicazione di buoni giocatori, ma pur sempre di terza divisione.
Quando le speranze del Foggia si sono infrante contro il Pisa nella finale dei play-off dello scorso anno, è praticamente finito anche l’idillio tra De Zerbi ed il club, ma questa sua prima eredità potrebbe essere ancora più grande di quella del Foggia di Zeman, soprattutto per le nuove generazioni di allenatori italiani.
A sostegno della tesi esposta da Fusi, il sito pubblica il video dell’incredibile gol messo a segno da Chiricò al 60’ della sfida casalinga con la Paganese, che si concluse per 2-2.
Il video, messo on line da un appassionato tedesco di bel gioco, è intitolato Foggia übertreibt, che significa letteralmente Il Foggia esagera. Ed è proprio così: i satanelli toccano il pallone diciotto volte di fila, ubriacando letteralmente gli ospiti, fino allo splendido tiro finale di Chiricò che regalò il pareggio all'undici rossonero. Potete vedere il gol qui sotto.

Foggia übertreibt from Yung Calcio on Vimeo.

Flavio Fusi ha ragione: la scorsa stagione del Foggia ha rappresentato una pagina importante non soltanto del calcio rossonero, ma di tutto i calcio italiano. Questo, però, grazie anche agli equilibri e all’armonia che si era stabilita tra l’allenatore, i giocatori, la società, il pubblico.
Ma le favole, purtroppo, finiscono e non sempre tutti vivono felici e contenti. Questa è finita nel secondo tempo della finale play off di Pisa. Perché non va dimenticato che il Foggia ha insegnato calcio anche a Pisa e al Pisa per la metà del primo tempo disputato in Toscana e nella finale di ritorno allo Zaccheria. A spezzare il volo è stato quel maledetto secondo tempo.
Ma la favola resta. E nessuno potrà mai cancellarla.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...