mercoledì 9 novembre 2016

Cinedessai | L'anima di un uomo, Wim Wenders racconta il blues

[Cinemadessai è una nuova rubrica di Lettere Meridiane: consigli quotidiani per godere al meglio della programmazione cinematografica in tv. Le Lettere Meridiane dedicate a Cinema per sempre non vengono distribuite sul consueto circuito di gruppi Facebook ma soltanto sul blog, sulla pagina Facebook di Lettere Meridiane, sulla Pagina del Festival del Cinema Indipendente di Foggia, sul diario facebook dell’autore, Geppe Inserra, e sul gruppo Amici e Lettori di Lettere Meridiane. Per non perderne neanche una, diventate fans delle pagine e iscrivetevi ai gruppo, cliccando sui relativi collegamenti.]
OGGI IN TV
Il documentario musicale rappresenta quasi un genere nel genere, che produce a volte cose veramente interessanti. Rai 5 manda in onda stasera due autentiche gemme di questo tipo. Si comincia alle 21.25 con L’anima di un uomo firmato nientemeno che da Wim Wenders, e prodotto niente meno che da Martin Scorsese. Il film fu il primo della serie di sette documentari,  con cui Scorsese celebrò il bluesWenders racconta, tra fiction e documentario, le vite e le vicende artistiche di Skip James, Blind Willie Johnson e J.B. Lenoir.
L’anima di un uomo è il titolo di una canzone di Blind Willie Johnson che venne ritenuta dalla Nasa una testimonianza del genere umano, e portata a bordo del Voyager nella sua avventura spaziale.
Suggestivo il ricorso al bianco e nero sgranato e ad una voce fuori campo che interpreta Blind Willie Johnson. “Una finzione mascherata - annota FilmTv - che rende ancora più verosimile il consueto discorso di Wenders: le immagini possono essere ideale archivio della memoria e custodia del rimosso.”
A seguire, alle ore 23.05, Fedele alla Linea, il documentario di Germano Maccione su Giovanni Lindo Ferretti, leader del gruppo punk italiano CCCP ritratto e raccontato nella sua fattoria nel cuore dell’Appennino. Una storia intensa, coinvolgente, riuscita.
Qui sotto, The soul of a man.



DOMANI
Le commedie firmate Clint Eastwood sono una rarità, ma Space Cowboys dimostra che il texano dagli occhi di ghiaccio è in grado di esplorare con successo tutti i territori della settima arte.
Con un cast stellare (Clint Eastwood, Tommy Lee Jones, Donald Sutherland, James Garner) Space Cowboy è un mature movie, che racconta la storia di quattro ormai attempati astronauti che vengono esclusi in un primo momento dai programmi spaziali della Nasa, salvo a rientrare ed essere spediti nello spazio, quando la pensione sembrava ormai incombente.
Ha scritto Lietta Tornabuoni su La Stampa: "Storia di senilità: degli uomini, della scienza militare, della moralità del grande Paese americano. In un film intelligente e toccante, Clint Eastwood mette a confronto quattro vecchi e bravi astronauti, mandati a casa nel 1958 quando la sperimentazione spaziale Usa da militare (Air Force) passò a un organismo civile (Nasa)".
La mano di Clint Eastwood è lieve e sapiente, la canzone "Fly Me to the Moon" vale da sola il prezzo del biglietto.  Voi potete invece ascoltarla gratis e vedere il film domani sera alle 21 su Iris.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...